Come fare un mobile SHABBY-CHIC

In questo post e nel successivo vedremo insieme le indicazioni per fare in modo semplice e casalingo un mobile decapato (detto anche “shabby-chic”), e riuscire in modo facile e veloce a realizzare un bell’oggetto artigianale da inserire in casa nostra, magari riutilizzando un mobile vecchio che stava per essere buttato (come ho fatto io con il baule che vedete nella foto qui sotto).

.

Vecchio baule riverniciato con la tecnica shabby-chic

La tecnica che vi propongo – che personalmente ho utilizzato molte volte – è quella secondo me più semplice fra tutte quelle che si trovano in rete, e vi consentirà di ottenere facilmente risultati splendidi. Fra l’altro proprio grazie alla sua semplicità può anche essere un modo divertente per intrattenere i bambini (alcune fasi non richiedono nessunissima competenza tecnica, ma solo un po’ di pazienza e di buona volontà).

.

Per iniziare, ovviamente evitate mobili troppo grandi o molto elaborati.

Personalmente, vi suggerisco di fare un po’ di pratica partendo magari da uno sgabello piuttosto piccolo, semplice e senza decorazioni (quello qui sotto ad esempio è perfetto).

.

Poi, una volta capito il meccanismo, potrete sbizzarrirvi con mobili di dimensioni maggiori (tavoli, sedie, cassettiere, bauli).

Ricordate che la presenza di elementi in metallo e decorazioni crea sempre un po’ di complicazioni, se vi piacciono elementi molto elaborati come la consolle che vedete nella foto qui sotto occorre fare prima un po’ di pratica.

.

Consolle effetto anticato (Maisons du Monde)

All’occorrenza potete usare questa tecnica anche per dipingere elementi come cornici o altre rifiniture. Quella che vedete qui sotto l’ho realizzata partendo da una cornice in legno grezzo acquistata al Brico: volevo una cornice di colore simile al tono del pavimento, e – non trovandola nei negozi – ho deciso di farla da sola.

.

Specchio con cornice realizzata con la tecnica shabby-chic

Quanto all’occorrente, per fare questo tipo di lavoro non occorrono attrezzi particolari né costosi, e non ci vuole nemmeno tantissimo spazio. Si tratta di un lavoretto che se volete potete anche fare in casa, però in questo caso vi consiglio di tenere le finestre aperte sia per accorciare i tempi di asciugatura, che per evitare di respirare i solventi che molte vernici contengono.

Passando alla fase pratica, la prima cosa da fare è quella di scegliere il colore, o meglio i colori.

Il cosiddetto “decapato” infatti si caratterizza per la presenza di due tinte, una (che chiameremo “colore principale”) che copre la maggior parte della superficie del mobile, e l’altra (che chiameremo “colore secondario”) che invece sarà visibile solo in alcuni punti.

La scelta della tonalità non è da poco, perché dal colore dipenderà il carattere del mobile e la possibilità di collocarlo in un ambiente o in un altro. In genere, per iniziare, la cosa più semplice è utilizzare un color bianco sporco (“off-white”) per il colore principale, e una tinta neutra (tortora ad esempio) per il colore secondario (o viceversa, come nella foto qui sotto).

.

Consolle con cassetti (Maisons du Monde)

Per un effetto più particolare potete usare tonalità intense: il risultato sarà magari meno passe-partout, ma sicuramente sarà interessante e potrà aiutarvi a dare carattere e personalità a una stanza.

Se invece già sapete dove dovete collocare il mobiletto, i colori li potete scegliere in base alle tinte della stanza in cui lo volete inserire, optando però per tonalità cromaticamente simili, ma mai identiche a quelle che ci sono. Sfumature molto belle possono essere – per fare qualche esempio – verde salvia, azzurro polvere, rosa cipria, grigio, ocra, ma anche colori più scuri e intensi come bordeaux o verde bottiglia.

.

Tavolo basso in mango e metallo (Maisons du Monde)

L’ideale è scegliere tonalità neutre o pastello, evitando i colori accesi: questa tecnica infatti serve a dare l’idea di un mobile consumato dall’uso, e questo si concilia difficilmente con tonalità brillanti e vivaci.

Se il legno sottostante è di qualità potrete anche evitare il doppio colore e lasciare come base il legno: il risultato sarà molto piacevole come vedete qui sotto, però attenzione, il legno deve essere al naturale, non verniciato.

.

Tavolo basso in vetro e legno anticato (Maisons du monde)

Passando alla parte della realizzazione (che vedremo nel prossimo post), iniziamo intanto a fare un elenco del materiale, così nell’attesa ve lo potete procurare:

  • vernice all’acqua opaca per legno, di due colori diversi (o uno solo se la base la preferite di legno naturale come visto poco fa);
  • pennelli piatti e di buona qualità (evitate quelli del genere “30 pennelli a 1 euro” perché passereste tutto il tempo a togliere dalla vernice i pelucchi dei pennelli);
  • carta vetrata;
  • cera d’api naturale di buona qualità;
  • un panno morbido in stoffa per stendere la cera.

Come vedete sono tutte cose di facile reperibilità e poco costose che potete trovare sia su internet che nei centri per il fai da te, ma anche in qualsiasi negozio di ferramenta ben fornito.

Correte a procurarveli: il vostro mobile shabby-chic vi sta aspettando!

Posted in La Casa di Charme: Il Blog, Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *