Come fare un mobile shabby chic – Parte 2

Nello scorso post abbiamo visto alcune indicazioni di carattere teorico per realizzare un mobile shabby-chic, e sceglierne i colori.

.

Sgabello in legno patinato (Maisons du Monde)

Passando alla parte della realizzazione, il materiale che vi occorre è:

  • vernice all’acqua opaca per legno, di due colori diversi;
  • pennelli piatti e di buona qualità;
  • carta vetrata;
  • cera d’api naturale;
  • un panno morbido per stendere la cera.

Le fasi principali sono sei:

  1. il primo passaggio (che potete saltare solo se il mobile da verniciare è di legno grezzo) è quello di strofinare la superficie con la carta vetrata in modo tale da renderla ruvida. Questo consentirà alla vernice di attaccarsi, perché se la superficie da verniciare è troppo liscia, la tinta potrebbe staccarsi al primo urto.

.

(attenzione: se il mobile è già stato verniciato più volte potrebbe essere necessaria una scartatura a macchina, operazione non proprio facile: se il vostro partner si diletta di fai-da-te chiedete a lui, altrimenti meglio cambiare oggetto)

2. dopo aver pulito bene il mobile dai residui della scartatura, iniziate dando una mano del colore secondario (cioè quello che sta sotto, e che risulterà visibile solo in pochi punti). Il colore deve essere ben steso, ma se non è perfetto non preoccupatevi perché come dicevamo questo colore poi verrà coperto dal colore principale, e quindi la superficie che rimarrà visibile sarà poca; lasciate asciugare, ed eventualmente se la base di legno non risulta ben coperta date una seconda mano (per i tempi di asciugatura considerate quelli indicati sul barattolo della vernice);

.

3. quando la vernice è completamente asciutta, prendete la cera e con l’aiuto di un panno morbido (una vecchia T-shirt è perfetta) applicatene un po’ sui bordi del mobile, sugli spigoli, e sulle parti in cui volete che il colore secondario “torni fuori”. Questo passaggio servirà a far emergere con più facilità il colore secondario, evitando che venga via insieme a quello principale;

.

4. lasciate asciugare bene la cera, e poi dipingete con il “colore principale”. In questo caso per un risultato impeccabile può essere consigliabile dare due mani rispettando i tempi di asciugatura fra una mano e l’altra;

5. quando la vernice è perfettamente asciutta, con la carta vetrata iniziate a strofinare nei punti in cui avevate applicato la cera (spigoli e bordi), ed ecco che il colore sottostante apparirà come per magia, creando un bellissimo effetto anticato!

.

Tavolo basso anticato con cassetti (Maisons du Monde)

6. pulite bene il mobile dai residui della scartatura, e passate su tutta la sua superficie una mano di cera, che vi aiuterà a proteggere la vernice e il legno, e gli darà un aspetto satinato molto gradevole.

E voilà il vostro mobile shabby-chic pronto per l’uso!

.

Vecchio baule riverniciato con la tecnica shabby-chic

Con il tempo e la pratica potrete poi sbizzarrirvi anche con colori e finiture particolari, o con decorazioni come quella bellissima nella foto qui sotto realizzata dal bravissimo artigiano fiorentino Leonardo Nencioni.

.

Credenza artigianale realizzata da Leonardo Nencioni

Ricordate che elementi di questo genere non si inseriscono solo in contesti di stile dichiaratamente shabby-chic, ma con le dovute scelte di colori possono inserirsi anche in contesti differenti, sia formali che informali, portando una nota di personalizzazione e “artigianalità” nella nostra casa.

.

Tavolo basso in vetro e legno anticato (Maisons du Monde)

Un’ultima raccomandazione pratica: terminato il lavoro, non dimenticate di mettere subito i pennelli a bagno in acqua tiepida, lasciandoli poi asciugare perfettamente all’aria prima di riporli.

.

In questo modo potrete riutilizzarli più volte, e arricchire la vostra casa con oggetti che oltre ad essere chic e particolari, avranno un valore aggiunto ineguagliabile!

Posted in Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *